News

Tra i “piatti poveri” della tradizione umbra, da noi trovate il biscio: una torta salata, ripiena di verdure a foglia e cotta al forno, che un tempo era il pasto dei pellegrini della Via Francigena, così chiamato per la sua forma che ricorda quella di un serpente, una biscia appunto.
Legato al territorio da una tradizione millenaria, il biscio è uno dei piatti più tipici di Nocera Umbra. Di antichissime origini longobarde, è una torta salata fatta di una sfoglia all’uovo “tirata” molto sottile, su cui si dispongono verdure a foglia come bieta, erbe di orto e di campo o cardi selvatici (particolarmente rigogliosi sulle vicine montagne), saltate in padella con aromi . Si arrotola e si dispone in una teglia creando la forma di un serpentello (da qui il nome biscio). Una volta sfornato si serve a fette. Caldo o tiepido è delizioso, ma si presta benissimo anche come piatto freddo, da portarsi dietro per uno spuntino veloce anche al lavoro o per un allegro picnic.biscio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...